Crea sito

Cima di San Francesco (2254 m)

Per cresta nord (S. Castenetto e G. Madinelli il 21-10-2012)

Dal sentiero che dalla malga Senons conduce al Ciadin de Bortolusc ho notato la possibilità di entrare nel più orientale Ciadin de Gasparin per la selletta (1844 m) a sud della quota 1868; in tal modo si entra nel Ciadin de Gasparin evitando la risalita delle ripide balze boscose prive di sentiero di cui all'itinerario B alla Cima di San Francesco della guida Berti Dolomiti Orientali (pag. 455).

Arrivando alla selletta 1844 m: al centro immagine la Spia de Bortolusc.

La Cima di San Francesco vista da forcella del Cuél

La grande placconata nord del monte mi aveva sempre stuzzicato e in particolare il suo culmine ovest, così netto contro il cielo; pareva velleitario il progetto di calcare quella cresta (segno rosso), ma scendendo da Cima Pussa per il Ciadin de Gasparin, una attenta osservazione mi ha svelato una concreta possibilità.

Così appare la placconata nord di Cima di San Francesco dal Ciadin de Gasparin: evidente la rampa con verdi che conduce a una forcelletta di cresta.

Raggiungiamo detta forcelletta.

Cominciamo a risalire la placconata tenendoci presso la cresta.

La salita è spettacolare, mai difficile.

La vetta.

Cratere di fulmine presso la vetta.

Dalla cima verso est: il M. Burlaton al centro con dietro il M. Frascola.

Dalla vetta verso ovest: sotto a destra Cima Pussa e subito dietro Cima di Bortolusc.

ATTENZIONE!

L'itinerario qui descritto è stato interessato nel luglio 2014 da un grande franamento che ha distrutto completamente la via.

altri itinerari simili