Crea sito

Cengla Alta dal Taiet

Su consiglio dell'amico Vittorino, casaro di Muris, visitiamo i cengioni meridionali posti al piede delle rocce sommitali del monte Taiet. Localmente viene detta Cengla Alta poiché più in basso corre la Cengla Bassa che è stata da qualche anno trasformata in sentiero CAI con numero 821 denominato "Sentiero della battaglia di Pradis". Entrambe le cenge mettono in comunicazione i due sentieri che risalgono il Taiet alle estremità orientale e occidentale (vedi cartina sottostante; in verde la Cengla Alta).

Il senso di marcia che abbiamo scelto è da ovest (Cuesterelde, sent. 820) verso est, con visita alla casera Jovet e salita in vetta al Taiet e discesa nuovamente per Cuesterelde. Il giro molto lungo e su terreno impervio reso pericoloso da erba secca neve e ghiaccio, riserva grosse soddisfazioni a chi cerca il proprio limite; in compenso il percorso è logico e obbligato: non si può sbagliar strada!

La Cengla Alta inizia poco più in alto della Sorgente del Bec; la targhetta in metallo riporta: Per sentieri tortuosi pian piano son arrivato, un po' stanco ed assetato. Vicino ad un tronco cavo a riposar mi son fermato. Una goccia d'acqua fresca e pura vidi cader nel tronco da quella roccia dura. Ridiscesi da quel pendio ripensando con amor a quelle mani che ti han scavato, con fatica sulla cima ti han portato e sol con le tue gocce ti han lasciato.

La Cengla è frequentata dai camosci che battono la traccia che è dunque quasi sempre evidente.

L'ambiente è davvero suggestivo con grandi bastioni rocciosi e curiose formazioni.

La Cengla si tiene sempre a una quota tra i 1100 e 1200 m con numerosissimi attraversamenti di canaloni e uno sviluppo di 5 chilometri.

Non mancano facili passaggi in roccia.

La prima parte della Cengla; dove è innevato passa il sentiero 820.

I pendii erbosi sono molto ripidi ed esposti: vietato sbagliare!

Dal Ciuc di Misdì si vede bene lo sviluppo della Cengla.

Tutto a sinistra il Ciuc di Misdì; la neve sottolinea la Cengla; in alto a destra il monte Taiet.

Terminata la Cengla Alta passiamo per casera Jovet e saliamo in vetta al Taiet.

Dalla vetta: Tramonti di Sotto con alle spalle i monti dell'Alta valle del Meduna.