Crea sito

Traversata dei canali di Meduna

Roberto Mazzilis durante la preparazione del suo libro "Per sentieri selvaggi" voleva inserirvi una escursione in Val Meduna percorrendo il Canal dal Vuar, forcella Pierasfezza e rientrare per il Canal grande di Meduna; ne aveva sentito parlare, probabilmente dalla morosa, originaria di Tramonti. Il suo tentativo fu drammatico: si perse e il rientro fu una vera e propria avventura. Abbandonò quindi l'idea ed inserì nel volume soltanto il sentiero Tramonti, Frassaneit, diga del Ciul. Sapendo di questa disavventura e tenendoci anch'io a realizzare quell'anello l'ho preparato meticolosamente con il mio sistema che a qualcuno potrebbe sembrare macchinoso. Ho esplorato il Canal dal Vuar fino al Clapòn in due giornate (la prima abortita per getto della spugna del mio compagno); in un'altra giornata ho esplorato il versante nord di forcella Pierasfezza e poi in seguito sono salito da quel versante in Cima Leadicia. Mi mancava quindi solo la conoscenza del tratto Clapòn - Pierasfezza del quale però mi avevano detto che era logico e facile. Dimenticavo di dire che le mie intenzioni erano di fare il giro in giornata e le esplorazioni preventive servivano anche a rilevare i tempi per capire se ciò fosse possibile. Non ci sono notizie di qualcuno che abbia realizzato la traversata in giornata; forse degli escursionisti udinesi che hanno lasciato la firma sul libro presenze del rifugio Charpin, ma non si capisce se hanno pernottato o meno e comunque non sono saliti in Cima Leadicia. Con me Adriano e Fausto (tutte le foto sono sue; curiosità: Fausto da anni voleva salire in Leadicia perché la riteneva il luogo più sperduto (in culo al mondo), selvaggio e meno frequentato di tutte le Prealpi (e anche, anche...)). Sviluppo totale. 25 km; dislivello: 2000 m; ore, comprese le soste, 12.

Partiti di notte, con la pila non abbiamo visto Selis che è stato fotografato al ritorno. Comunque siamo passati di qui e abbiamo attraversato sulla passerella.

Il sentiero fino in Pineit è facile da percorrere anche con la pila perchè segnalato di fresco e con una buona traccia di calpestio.

Giunti all'alba in Pineit proseguiamo nel Canal dal Vuar chiuso in fondo dal Burlaton.

Il Canal dal Vuar dall'incrocio con il Rio Passo è denominato Rio dal Clapòn: spettacolari le sue pozze e cascate.

Arrivo e passaggio presso la cascata del torrente che proviene da Palasimon.

In friulano clapòn è un grande sasso e questo è davvero enorme, forse un masso erratico lasciato da una lingua glaciale. Nella sua faccia meridionale il Clapòn è fortemente strapiombante tanto da formare un incavo di circa tre metri che è stato sfruttato, ab antiquo, da cacciatori e pastori come ricovero. Vi è stato costruito un ripiano sopraelevato sostenuto da muretto a secco e che ha ai lati due rocce che fungono da pareti laterali, migliorate dal posizionamento di pietre. Su di un angolo del ripiano, verso l'esterno, c'è il focolare che, a giudicare dalle condizioni, non vede fiamma da molti anni. Ad una certa altezza sul masso strapiombante è stato realizzato in malta cementizia un manufatto rompigoccia che protegge il ricovero da infiltrazioni d'acqua. Il ricovero può ospitare 3/4 persone; acqua a cinque minuti sul sentiero d'accesso.

Il Clapòn è forse il luogo più lontano dai centri abitati di tutto il Friuli situato in una zona di grande fascino, severa e selvaggia; dietro il Clapòn chiude la valle la possente parete del monte Burlaton (particolare in foto; 700 metri di placconate mai osate da alpinista). Può servire da base o punto d'appoggio per numerose escursioni in zona che non elenco per lasciare alla fantasia del lettore che, immergendosi nella Carta Tabacco foglio 028, potrà immaginare favolose traversate e salite memorabili da raccontare ai nipoti quando le gambe cederanno al peso degli anni.

La salita verso Pierasfezza, come già detto, non è difficile, ma richiede orientamento e senso della montagna: davanti si hanno paesaggi come in foto.

Salendo in Pierasfezza: Cima Ettore.

Poco prima di Pierasfezza ci appare Cima Leadicia; forcella Pierasfezza è tutto a sinistra del risalto di cresta.

In primo piano la sella di Pierasfezza; in secondo: le gemelle Fornezze con in evidenza la grande cengia passaggio tra forcella Nartais e forcella Claupe.

L'immagine mette in evidenza il canalone sud delle gemelle Vetta e Cengle Fornezze oggetto di una gitarella di quest'anno.

Eccoci in vetta!

Adriano è andato in esplorazione lungo la cresta est del monte (qui lo vediamo sull'anticima più prossima) arrivando fin sulla quota 1880 e riportando notizie interessanti sulla possibilità di percorrere tutta la cresta che è uno degli ultimi problemi alpinistici irrisolti dell'area.

Caserine da Leadicia; a destra Cima Ettore anticima est del Burlaton (nota: il Burlaton non si vede da Leadicia).

Palasimon e Dosaip da Leadicia.

Cimon d'Agar scendendo da Leadicia verso nord.

Monte Naiarda (a destra) e forcella Fous di Naiarda scendendo da Leadicia.

In fondo al Canal grande di Meduna c'è il mitico Clapòn dal Limèt, ricovero spartano per chi frequentava questi luoghi (cacciatori principalmente): ora è stato edificato il rifugio Charpin, la caccia è vietata e tutto è stato abbandonato.

Mentre osserviamo il ricovero si ricorda che il rifugio Charpin in Canal grande di Meduna è stato recentemente ristrutturato dal Parco Naturale delle Dolomiti Friulane che, misteriosamente, ha però dismesso il sentiero n° 393 che vi accedeva. La casera ha ora funzioni di ricovero per il corpo forestale regionale che lo frequenta per osservazioni, censimenti di animali, e come base in caso d'incendi. I Forestali per facilitarsi l'accesso hanno pulito il sentiero che proviene dalla diga del Ciùl e hanno esteso l'opera fino in forcella del Cuèl; questo lavoro, unito al fatto che gran parte dei vecchi segnavia sono ancora visibili, permette una sicura e facile percorrenza dell'itinerario (alla faccia della dismissione!). Molto ambita è la traversata rifugio Pussa, casera Senons, forcella del Cuèl, con pernottamento a casera Cjarpin e il giorno successivo discesa a Tramonti di Sopra per la diga del Ciùl e Frassaneit, altro itinerario che io vorrei invece percorrere in giornata (se trovo compagnia...).

altri itinerari simili