Crea sito

Casera Teglara

Ogni vòlte chi ven in Teglara a mi végnin i vôj vajots

come chei dai vielis ca ti còntin di quant ca èrin zòvins.

Mi samê cal timp imbardeât ta li sterpis dal čhampei

al si fermi produsînt un momênt pičhât tal miez dal za stât e dal divignì

aghe calme passat il gorg, cujete polsade.

Uchì mi plasarés fermâmi a ğholdi il slusignà da la rosàde

il pas di sbris da li bêstis

lis floriduris di colôr čhariât

il cidinôr mufôs di prin di.

Uchì i volarés vjodi svuedâsi la me sorte:

libar il pinsîr fasi aiar ca trapase lis forčhis;

sàltin fûr dal côr i sintimens par deventà aghe ca sdrùme la crete;

la me scùsse deventà tiàre ca cuvierz un pûc il blanc scarsanali da la mont.

Ogni volta che vengo in Teglara mi lacrimano gli occhi come ai vecchi/ quando ti raccontano di quando erano giovani./ Mi sembra che il tempo impigliato tra i cespugli del pascolo/ si fermi creando un momento appeso tra passato e futuro/ acqua cheta dopo il gorgo, quieto riposo./ Qui vorrei fermarmi a godere il luccichio della rugiada/ il passaggio furtivo delle bestie/ le fioriture di colori carichi/ il silenzio brumoso dell'alba./ Qui vorrei si risolvesse il mio destino:/ libero il pensiero farsi il vento che valica le forcelle;/ escono dal cuore i sentimenti per divenire acqua che disgrega la roccia;/ il mio corpo diventare terra che copre un po' del bianco scheletro dei monti.